Giovane militare Gianni e Rodolfo Mitica Vespa: in gara Sempre avanti Birmania Radio Monte Grappa

Testo pi¨ grande per leggere meglio? Premi il bottone "Ingrandisci"


Ritorna alla dimensione di base:

Sei in : La galleria degli amici _  Piero Morao

Un compagno che mi fu sempre vicino in ogni momento difficile della mia vita calcistica.

Rispettoso, sempre ottimista e capace pi¨ di quello che dimostrasse la sua personalitÓ, tanto che lo battezzai: "Agonia" per la flemma, la calma, la pazienza, non perdeva mai le staffe e non gridava mai, e mi zittiva quando alzavo la voce, mio eterno difetto; era fiero del nomignolo che gli avevo appiccicato.

Come era vissuto morý alcuni anni orsono.
Una sera dopo una partita a carte al Bar Nardi, felice per una sua vincita, and˛ a letto e nel sonno pensando oltre che alla vincita serale, alle molteplici vittorie della sua squadra calcistica, dove aveva retto la vice Presidenza, se ne and˛ senza far rumore come era successo nella vita terrena.

Pierina sua moglie era morta qualche tempo prima: era stata una grande amica di mia moglie Lina.